Sabato 11 Maggio ore 21.00
Teatro Fondamenta Nuove
Cannaregio 5013, Venezia

Associazione Culturale Vortice - RISONANZE

Nuova Icona - museometropolitano

"Ferita da taglio"

Mauro Sambo - Ignazio Lago

performance per 6 tavoli in ferro da cm. 250 x 125 x 80, sax contralto, 1 personaggio, 1 voce recitante, olio, grasso, marmo, guaina industriale, fotografia, flessibile.

 

Ingresso libero 


"Ferita da taglio"

"Ferita da taglio" è una performance per 6 tavoli in ferro da cm. 250 x 125 x 80, sax contralto*, 1 personaggio, 1 voce recitante**, olio, grasso, marmo, guaina industriale, fotografia, flessibile. * Il sassofono può essere sostituito da un altro strumento. ** La performance può essere eseguita senza testo poetico e di conseguenza senza voce recitante. Grande rilevanza nelle perfomance assume il ruolo della musica, per Sambo una parte inscindibile della sua vita. Nelle performance la musica non è mai un contorno, ma assume un ruolo primario al pari delle sculture e dell'azione. Perfomer e musicista vivono l'evento in simbiosi, in una staffetta continua si influenzano a vicenda, la musica come l'azione non sarà mai la stessa. L'improvvisazione da parte del musicista e del performer è una delle caratteristiche più importanti di "Ferita da taglio": l'azione sui tavoli non sarà mai uguale alla performance precedente, una grande importanza assumono gli stati d'animo momentanei e di conseguenza la casualità. Importante è il rapporto instaurato in questi anni fra Sambo e Ignazio Lago. Lago, artista e musicista a sua volta, è il performer preferito da Sambo per la sua grande carica emotiva e per la totale sintonia che si instaura tra i due durante le "azioni".


Mauro Sambo

L'artista, nato a Venezia nel 1954, ha spesso lavorato ai confini tra scultura e performance - producendo eventi concernenti la sua storia personale. Una serie di lavori - "apparente controllo del tempo" - alla quale appartiene questa performance, riguarda il tentativo (impotente) di fermare l'invecchiamento dei materiali con una specie di cura, un lavoro sciamanico che usa grasso, vernici trasparenti e quant'altro possa proteggere le proprie creature dalla distruzione e allo stesso tempo conservare la memoria che le azioni precedenti - e il tempo - hanno lasciato sui lavori. Sono abbastanza rare le apparizioni di Sambo, impegnato in un lavoro di continua ricerca della qualità. Tra le attività più rilevanti, citiamo la partecipazione alla XLIV Biennale nella sezione "Aperto" e la personale "Un lungo viaggio immobile" presso la Fondazione Querini Stampalia di Venezia (20 aprile/26 maggio 2002).


Vortice - Associazione Culturale
email: vortice@provincia.venezia.it

 
 

Torna a Vortice