La Costruzione del Suono 2005

Live!iXem.05 - giorno 3


Domenica 11 dicembre ore21
Live!iXem.05 - giorno 3
Alessandro Fogar Surface Study #1 - Sand
Tirriddiliu Chitarra acustica improvvisamente stravolta
Cellule d'Intervention Metamkine Live film/music performance


Alessandro Fogar - Surface Study #1 - Sand
"My obsession with surface is the subject of my music. In that sense, my compositions are not “compositions” at all. One might call them time canvases in which I more or less prime the canvas with an overall hue of music. I have learned that the more one composes or constructs - the more one prevents Time Undisturbed from becoming the controlling metaphor of music".
[da 'Between categories' - Morton Feldman]

Surface Study #1 - Sand è il primo di una serie di lavori ispirati dallo studio delle superfici.
Il microfono viene utilizzato come un microscopio, per cogliere le più intime risonanze, i fruscii più segreti, l’essenza della natura. I campionamenti vengono metabolizzati, trasformati, distorti, decomposti ed integrati con drones ottenuti elaborando samples derivanti da strumenti acustici.
Ricche tessiture sonore sono ottenute elaborando suoni del mare registrati in una piccola isola situata nella laguna di Grado. Gli oggetti sonori ottenuti sono usati per riempire una sorta di tela in modo tale che l’architettura interna dei suoni, con le sue intime strutture temporali, diventi la metafora di controllo per Surface Study #1 – Sand.
L’autore esegue il pezzo utilizzando un patch scritto mediante Max/Msp, controlla la generazione dei nuovi eventi sonori, agisce miscelando i suoni e spazializzandoli, componendo il silenzio. I campioni sonori sono stati generati utilizzando Supercollider2, mentre SoundHack è stato usato per elaborarli.
Surface Study #1 – Sand è stato presentato per la prima volta il 12 luglio 2003 al festival ‘Stazione Topolo’ - Grimacco (Ud). E’ stato poi rappresentato nuovamente in una versione parzialmente rivista il 28 settembre 2003 nell’ambito dell’evento congiunto Fogar/Behrens (Correnti Sonore #1) a Tarcento (Ud). Il lavoro è stato poi completamente rivisto e riscritto all’inizio del 2005 ed è stato pubblicato sotto forma di cd in tiratura limitata da AFE records di Milano nell’aprile 2005.
Alessandro Fogar opera nel campo della musica elettronica e delle arti multimediali, con uno spiccato interesse verso i suoni naturali, i paesaggi sonori, la spazializzazione ed i sistemi interattivi. Ha esplorato vari approcci per la generazione, registrazione e produzione del suono, le composizioni che ne risultano sono spesso studi sulla trasformazione, mutazione di suoni esistenti. Vive a Grado (Go), studia musica elettronica e nuove tecnologie multimediali presso il Conservatorio G. Tartini di Trieste.


Tirriddiliu - Chitarra acustica improvvisamente stravolta

Dario Sanfilippo aka Tirriddiliu [Agrigento, 1983], giovanissimo siciliano, sin dall’infanzia è stato affascinato dai suoni e ha cominciato sin da bambino ad usare diversi strumenti come la chitarra, il basso e le percussioni. Questa passione presto si evolve in ricerca e Dario sviluppa un forte interesse per la musica sperimentale, in particolar modo per la musica elettroacustica. I suoi lavori sono il risultato di un approccio istintivo sotto forma di "composizioni estemporanee" legate ad un’intensa ricerca sonora ed alla libera improvvisazione.
Il live sarà un’improvvisazione basata su campioni acustici precedentemente registrati come chitarra, scacciapensieri, tamburi, flauti, etc.
Tirriddiliu ha pubblicato per etichette come Idroscalo Dischi, Idroscalo d’Autore, Aklass Records, Nexsound Recordings, Entity Recordings, rudiMENTALE Recordings, Rigid Crash Records, No Room For Talent Records. Si e’ esibito a Torino, Roma, Ragusa, Palermo.
Ha creato le musiche per la mostra fotografica di Carmelo Alaimo a Milano (giugno 2004).


Metamkine – Live film/music performance

La Cellula d’Intervento METAMKINE è una struttura a geometria variabile che raggruppa musicisti e cineasti, ricercatori della relazione tra suono e immagine. Dal 1987 i Metamkine presentano il loro lavoro in diversi festival, cinema, gallerie e spazi indipendenti, in Francia, Europa, Canada, Stati Uniti e Giappone. Numerose sono le loro collaborazioni con gruppi provenienti da diverse parti del mondo. Attraverso la magia degli specchi, le multiproiezioni ed una dislocazione ingegnosa durante le esibizioni dal vivo, in ogni performance i Metamkine producono e dirigono un nuovo film, riversando spirali di disegni e foto improvvisate, accompagnate dal vivo da una traccia audio di frammenti di nastro e suoni di antichi sintetizzatori.
Il gruppo è composto da Jérome Noetinger (dispositivi elettroacustici), Christophe Auger e Xavier Querél (elaborazioni immagini). I tre, che lavorano insieme ormai da dieci anni, hanno spinto i confini del film e della traccia audio all’interno del regno dell’esibizione dal vivo. Le loro performances hanno un forte impatto viscerale che arriva fino al cervello. I loro materiali sono le pellicole ed il suono. Il musicista e i cineasti sono sulla scena di fronte al pubblico. Due specchi installati nella sala riflettono le immagini su uno schermo posizionato dietro di loro. Suoni e immagini sono elaborati in tempo reale. La Cellula d’Intervento sviluppa un’idea di gioco tra immagine e suono.
Cinema per le orecchie e musica per gli occhi. "Il lavoro non è teorico. E’ totalmente empirico. Uno di noi offre il suono, gli altri le immagini. Il momento importante è il confronto sul palco". Metamkine è anche un’etichetta e un distributore di dischi di riferimento nel mondo delle musiche nuove. Jérome Noetinger è membro del comitato di redazione della rivista trimestrale specializzata Revué & Corrigé. Metamkine è anche una delle strutture portanti di Art Toung! Associazione programmatrice di cinema sperimentale, di concerti e luogo culturale indipendente e autofinanziato di Grenoble.


Biglietti:
Ingresso unico 7€

Abbonamento Ixem 15€

Prevendite:
Presso la biglietteria un'ora prima degli spettacoli.


Torna a Vortice