BIENNALE MUSICA
49. Festival Internazionale di Musica Contemporanea
Suono/Immagine

Vortice - Teatro Fondamenta Nuove presenta

venerdì 7 ottobre 2005 ore 22.30
SALA ROSSI, TEATRO LA FENICE
THOMAS KÖNER
SUBURBS OF THE VOID
Video, Live-Mix & Installation, 2004
* transmediale 2005 award *
International Media Art Festival, Berlin

"E' possibile parlare del flusso del tempo, come tale?" in un capitolo della Montagna Incantata, Thomas Mann contempla la rappresentazione e l'esperienza del tempo. I suoi pensieri culminano nella descrizione di una passeggiata sulla spiaggia, dove la monotona uniformità delle cose dilata il tempo all'infinito e nello stesso tempo stringe verso un solo punto…

La vista di un crocevia circondato da case, che Thomas Köner mostra nel video Suburbs of the Void, non è assolutamente identificabile. Non c'è alcun indizio di dove sia questo luogo. Non ci sono indicazioni stradali, né tabelloni. Inoltre, quasi non ci sono tracce di vita umana. Alcune finestre illuminate e punti luminosi sfocati sulle strade danno un accenno della presenza di persone. L'immagine è muta, non racconta storie. E' semplicemente la descrizione di una città. Si possono vedere una strada e un parcheggio. Il tempo cambia. Banchi di nebbia si muovono sulla scena, molto lentamente. Non c'è nessuno.

La sequenza delle immagini risulta da singoli frammenti, che indicano un corso del tempo, ma ad un'analisi finale, non gli rimarranno fedeli. Per Suburbs of the Void Köner utilizza 2000 fotografie. Il materiale visivo proviene da una telecamera di sicurezza stradale. Essa trasferisce le immagini via Internet, dove Köner le raccoglie e le monta in un video. La città è situata nella Finlandia del nord vicino al circolo polare artico. Il ghiaccio e, nella stagione corrente, l'oscurità, dominano il paesaggio per la gran parte del giorno.

Per Thomas Köner, il freddo permanente è connesso ad un generale rallentamento che acuisce l'attenzione. Inoltre, la resa del suono è più chiara. In questo modo la noia affiora, entra nelle stanza come da una porta aperta.
La traccia sonora di Suburbs of the Void aiuta quest'aspetto. Qualche volta si possono udire nel sottofondo deboli rumori di giochi di bambini. Di fronte al vuoto totale, questi suoni appaiono come memorie, a mala pena distinguibili da lontano.

Per Lars Svendsen la noia deriva dal lutto per l'infanzia perduta. "Noi non accettiamo di dover abbandonare un po' alla volta il magico mondo dell'infanzia, che racchiude così tanta novità ed eccitazione. Noi stiamo da qualche parte fra l'infanzia e l'età adulta, in un'eterna pubertà, che è segnata dalla noia". (Lars Svendsen, Piccola filosofia della noia).
Köner ci racconta che lui stesso è cresciuto in uno di questi sobborghi dove la notte è nutrita dal desiderio di un giorno migliore.
Cosa siamo in grado di fare se questa notte prosegue?

Holger Birkholz
Tratto dal catalogo della mostra Monitoring 2004, Kassel, Germania


Suburbs Of The Void
Proiezioni
Museo d'arte contemporanea 12.1. - 30.1. 2005, Montreal
Installazioni
Mostra Monitoring, Festival del documentario e del Video, Kassel 11/2004
Kunstverein Stuttgart, Filmwinter, Stuttgart 01-02/2005
SoundART 2004, ArtCologne, Koelnmesse Grosser Rheinsaal, Köln 28.10. - 11.11. 2004
Live-Mix
Tsuda Hall, Tokyo 10 luglio 2005
Biennale, Sala Rossi, Teatro San Fenice, Venezia 7. 10. 2005


Thomas Köner

Thomas Köner, nato a Bochum, Germania, nel 1965, ha studiato presso il Music College di Dortmund e il CEM-Studio di Arnhem per quanto riguarda la musica elettronica. Fino al 1994 ha lavorato come ingegnere del suono e fonico per il cinema e nel 2000 il Montreal International Festival New Cinema New Media gli ha conferito il "New Media Prize". Nel 2004 ha ricevuto il "Golden Nica" al Prix Ars Electronica e il "Produktionspreis WDR" durante il premio tedesco per la sound art. la sua installazione "Suburbs Of The Void" ha ricevuto il premio Transmediale 2005 a Berlino e il video "Nuuk" è stato premiato con il Tiger Cub Award durante l'International Filmfestival di Rotterdam, sempre nel 2005.

Parallelamente agli studi, si è dedicato a un'intensa ricerca delle tecniche sonore. Un punto di partenza è stato quello di escludere il ritmo e la melodia e focalizzarsi sul fenomeno del colore sonoro. Per intensificare questa esperienza, ha deciso di lavorare con altri media, a incominciare dalla collaborazione con Jürgen Reble e la live performance "Alchimie" (1992). A partire da questo, ha incominciato a comporre colonne sonore e musica elettronica dal vivo da abbinare alla proiezione di film muti per il museo Louvre di Parigi.

L'interesse di Köner nella combinazione di elementi visuali ed esperienze uditive e nell'estensione dell'efficacia del suo lavoro lo ha portato al confronto con l'installazione e alla collaborazione con
Max Eastley, in cui diventa centrale la combinazione tra scultura sonora e performance.

"List Of Japanese Winds", nata dalla collaborazione tra Eastley e Köner, è un'installazione commissionata dalla Hayward Gallery di Londra.

Il Rimbaud Museum gli ha commissionato cinque installazioni sonore permanenti in cinque diverse stanze della "Maison Rimbaud" a Charleville-Mezières. Il Centre Georges Pompidou gli ha commissionato la parte sonora di un'installazione con il regista Yann Beauvais.

Un altro terreno di esplorazione sonica e di radicale sound design è certamente l'ambito della club culture, che Köner vede come luogo ideale per un ascolto intenso e fisico.

Con il nome di Porter Ricks, una collaborazione con Andy Mellwig, è divenuto un acclamato produttore di progressive techno, remixando, tra le altre cose, musiche di artisti diversissimi come i Nine Inch Nails o Claude Debussy.

Dal 2003 ha esteso il suo concetto di "colore sonoro" alle immagini in movimento, lavorando alle installazioni video e ai film.

Il suo lavoro "Banlieue du Vide" ha ottenuto il premio Norman 2004 come miglior film al Filmwinter Stutgart ed è stato nominato per i "MuVi award 2004" (miglior video musicale tedesco) all'International Short Film Festival di Oberhausen.

Web: www.koener.de


Biglietto unico € 5

I biglietti possono essere acquistati on line presso il sito
www.labiennale.org

Informazioni
Call center HelloVenezia tel. 041 24 24
Ufficio Promozione Pubblico e Gruppi
tel. 041 5218775 - fax 041 5218825
e-mail: infogruppi@labiennale.org

Vortice - Associazione Culturale
email: vortice@provincia.venezia.it

041 5224498, info@teatrofondamentanuove.it

Torna a Vortice